Il REI: nuovo sussidio contro la povertà, sostituendo il Sia e l’Asdi

Il Rei andrà a sostituire il Sostegno all’inclusione attiva SIA e l’assegno di disoccupazione Asdi, diventando così lo strumento unico nazionale di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale. Una nuova misura permanente di contrasto alla povertà, dovrebbe interessare inizialmente meno di 500mila famiglie per un totale di 1,8 milioni di persone.
Il REI è un beneficio economico, o sussidio, erogato dall’INPS tramite una carta prepagata di Poste Italiane SpA, che viene ricaricata mensilmente di un importo variabile in base ai requisiti del soggetto beneficiario.

Le domande potranno essere presentate dal 1° dicembre nei Comuni e partirà dal 1° gennaio 2018. In sintesi la domanda dovrà essere presentata presso i punti di accesso che verranno preparati dai Comuni. Il Comune invierà poi la domanda all’Inps che dovrà rispondere entro 5 giorni dal ricevimento della documentazione. Se approvato, l’assegno REI verrà erogato a partire dal mese successivo a quello di approvazione della domanda.
I passaggi della richiesta:
La domanda va presentata dall’interessato o da un componente del nucleo familiare presso i punti per l’accesso al REI che verranno identificati dai Comuni/Ambiti territoriali.
→ Il Comune raccoglie la domanda, verifica i requisiti di cittadinanza e residenza e la invia all’Inps entro 10 giorni lavorativi dalla ricezione e nel rispetto dell’ordine cronologico di presentazione.
→ L’Inps, entro i successivi 5 giorni verifica il possesso dei requisiti e, in caso di esito positivo, riconosce il beneficio.
Il versamento del beneficio è condizionato all’avvenuta sottoscrizione del Progetto personalizzato e decorre dal mese successivo alla richiesta. Il beneficio economico viene erogato mensilmente attraverso una Carta di pagamento elettronica (Carta REI).
Il REI sarà composto di due parti:
– Un assegno mensile, che avrà un importo variabile secondo le dimensioni del nucleo familiare e altre variabili;
– Un progetto personalizzato di reinserimento sociale e lavorativo.
Il Contributo mensile dipende dalla dimensione del nucleo familiare e dalla distanza del reddito familiare da una soglia di accesso. I livelli mensili massimi del beneficio economico sono i seguenti:
• 1 persona: 187,50 euro
• 2 persone: 294,38 euro
• 3 persone: 382,50 euro
• 4 persone: 461,25 euro
• 5 e più persone: 485,40 euro
L’assegno verrà erogato per 18 mesi. E’ rinnovabile per non più di 12 mesi, ma tra la conclusione e l’inizio del Rei successivo dovranno passare almeno 6 mesi.
Il progetto non riguarda solo la situazione lavorativa in senso stretto, ma può anche riguardare la ricerca di una casa, la somministrazione di cure mediche e l’educazione dei figli.
Il Rei è compatibile con un’attività lavorativa (fermi restando i requisiti economici), a patto che:
1.si proceda a comunicare entro 30 giorni tale nuova occupazione;
2.si rispettino i requisiti economici indicati sopra.

A chi non spetta la carta REI?
Il reddito di inclusione non spetta quando un qualsiasi componente del nucleo familiare, fruisce:
•della NASpI o di altro ammortizzatore sociale per la disoccupazione involontaria.
•Se nei due anni precedenti la domanda hanno acquistato un’auto, moto o barche.

Come usare il contributo REI? Ci sarà la CARTA PREPAGATA REI: Il nucleo che avrà diritto al beneficio avrà una Carta di pagamento elettronica (Carta Rei), simile a una prepagata. La Carta potrà essere usata, per metà dell’importo, anche per fare prelievi di contanti. Finora invece l’uso è stato vincolato sempre ad acquisti nei supermercati, negli uffici postali e in farmacia. Non era mai stato possibile prelevare direttamente cash.

La Carta REI:
→ deve essere usata solo dal titolare
→ può essere usata per prelevare contante entro un limite mensile non superiore alla metà del beneficio massimo attribuibile. Permette inoltre:
▪ gli acquisti in tutti i supermercati, negozi alimentari, farmacie e parafarmacie abilitati al circuito Mastercard
▪ il pagamento delle bollette elettriche e del gas presso gli uffici postali
→ dà diritto a uno sconto del 5% sugli acquisti nei negozi e nelle farmacie convenzionate, con l’eccezione degli acquisti di farmaci e del pagamento di ticket
→ può essere utilizzata negli ATM Postamat per controllare il saldo e la lista movimenti

La Rei prevede la sottoscrizione obbligatoria, da parte dei beneficiari, di un progetto personalizzato. Tale progetto personalizzato, da sottoscrivere entro 50 giorni dalla domanda, prevede la partecipazione attiva di tutta la famiglia beneficiaria al percorso programmato dal servizio di assistenza sociale, che avrà un mese di tempo per valutare la situazione familiare ed indicare le soluzioni a problemi specifici, o complessi, avvalendosi di diverse equipe di sostegno.
Requisiti di Residenza e Soggiorno, per usufruirne:
● cittadini italiani ● cittadini comunitari ● familiari di cittadini italiani o comunitari, non aventi la cittadinanza in uno Stato membro, titolari del diritto di soggiorno o diritto di soggiorno permanente
● cittadini stranieri in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo
● titolari di protezione internazionale (asilo politico, protezione sussidiaria)
→ che siano residenti in Italia da almeno due anni al momento della presentazione della domanda

Requisiti Familiari:
I beneficiari sono inizialmente individuati tra i nuclei familiari con:
→ figli minorenni
→ figli con disabilità (anche maggiorenni)
→ donna in stato di gravidanza
→ componenti disoccupati che abbiano compiuto 55 anni

Requisiti Economici:
I beneficiari sono individuati anche sulla base dell’ISEE e delle sue componenti reddituali e patrimoniali. Per accedere al REI, infatti, il nucleo familiare deve essere in possesso congiuntamente di:
1. un valore ISEE in corso di validità non superiore a 6 mila euro
2. un valore ISRE (l’indicatore reddituale dell’ISEE diviso la scala di equivalenza) non superiore a 3 mila euro
3. un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20 mila euro
4. un valore del patrimonio mobiliare (depositi, conti correnti) non superiore a 10 mila euro (ridotto a 8 mila euro per la coppia e a 6 mila euro per la persona sola).

Modulo Rei per la domanda, nel sito dell’ INPS: clicca qui 

Giuseppe Maccataio 

Commenti

commenti